Legge sul Sovraindebitamento, guida aggiornata 2024

Legge sovraindebitamento, guida aggiornata 2024

(il Nuovo Codice della Crisi d’azienda e dell’insolvenza)

Legge sul sovraindebitamento aggiornata
Legge sul sovraindebitamento aggiornata

il Sovraindebitamento secondo la Legge

Sovraindebitamento” è il nome giuridico che la Legge assegna alla difficoltà nel pagare i propri debiti, ed è stato introdotto nel sistema giuridico italiano dalla Legge 3/2012, alla voce “Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonché di composizione delle crisi da sovraindebitamento

Riassumendo e semplificando, il sovraindebitamento è quella situazione in cui privati, aziende, artigiani, ecc… , non riescono più a pagare i propri debiti con banche, finanziarie, fornitori, ecc… a causa di uno scompenso tra le entrate e le uscite.

Con la normativa sul sovraindebitamento lo Stato concede l’occasione per avere un “nuovo inizio” a questi soggetti. In sintesi lo Stato dà la possibilità di poter pagare i debiti in base alle effettive possibilità economiche del debitore.

Nell’estate del 2022 il sovraindebitamento è stato riformato dal Codice della Crisi d’impresa e dell’insolvenza, per cui non è più corretto far riferimento alla legge 3 del 2012 (anche se i concetti base siano rimasti molto simili).

Cosa è la Procedura di Sovraindebitamento

Lo scopo principale della legge sul sovraindebitamento è quella di permettere al debitore di pagare quanto gli è possibile in base alle proprie possibilità, permettendogli allo stesso tempo di vivere una vita dignitosa, ed allo stesso tempo vedersi cancellato il debito che non può pagare in alcun modo. In questo caso si parla diesdebitazione, ovvero di cancellazione del debito non onorato.

Questa procedura non va interpretata come una sanatoria. Viene “solo” offerta la possibilità a chi ha troppi debiti di pagare quanto gli è possibile, in base alla propria situazione di reddito, patrimonio e carico familiare.

Legge sul Sovraindebitamento: chi può accedere alle procedure e quali sono?

Per prima cosa occorre sapere che queste procedure sono riservate ai soggetti non fallibili, che sono:

Soggetti non fallibili

  • Consumatori, ovvero persone fisiche senza Partiva IVA (dipendenti, pensionati, disoccupati, ecc…);
  • Lavoratori autonomi;
  • Professionisti iscritti ad albi e ruoli (senza limiti di fatturato o debiti);
  • Piccole imprese a patto che non siano fallibili;
  • Aziende agricole / imprenditori agricoli;
  • Eredi di un imprenditore defunto (debiti ereditari);
  • Start up innovative;
  • Enti no profit (onlus, associazioni di volontariato, enti non commerciali, ecc…);
  • Enti pubblici.

il Codice della Crisi ha aggiunto altri 2 possibili beneficiari:

  • i familiari della persona soggetta a sovraindebitamento (i coniugi, i membri della coppia di fatto, le parti dell’unione civile, parenti entro il 4° grado ed affini fino al 2° grado di parentela).
  • i soci illimitatamente responsabili di Snc, Sas e Spa.

I principali presupposti per l’accesso alle procedure di sovraindebitamento sono che il debitore:

  • Sia in effettivo stato di sovraindebitamento.
  • Non sia fallibile (vedi soglie di fallibilità).
  • Non abbia messo in atto tentativi di frode verso i creditori.

Soglie di fallibilità

  • l’ammontare dei debiti non deve superare i 500.000 €
  • i ricavi lordi non devono superare i 200.000 € negli ultimi tre anni precedenti alla richiesta della procedura di esdebitazione
  • gli attivi dello stato patrimoniale non devono superare i 300.000 €, sempre nei tre anni precedenti alla domanda.

Quali debiti si possono estinguere con la Legge sul Sovraindebitamento (Codice della Crisi)?

  • banche e finanziarie (mutui, prestiti, finanziamenti);
  • cessione del quinto;
  • fornitori;
  • privati (ad esempio i debiti verso il condominio);
  • agenzia delle entrate.

Gli alimenti non pagati al coniuge NON rientrano fra i debiti estinguibili.

Procedure di Sovraindebitamento

La Legge 3/2012 prevede queste procedure di sovraindebitamento ben distinte. Eccole elencate:

Liquidazione controllata del sovraindebitato, o liquidazione del patrimonio

  • Viene richiesta al Tribunale la possibilità di pagare i debiti con la liquidazione del patrimonio. Si attua nelle situazioni più difficili.
  • Vantaggio: se dalla vendita del patrimonio si ricava una cifra irrisoria, la differenza può essere pagata in comode rate per qualche anno.

Piano del Consumatore (procedura di ristrutturazione dei debiti del consumatore)

  • Può essere utilizzata solo dalle persone fisiche.
  • Viene proposto ai creditori un piano di pagamenti sostenibile rispetto ai redditi del debitore.
  • Si applica a persone con busta paga o reddito certo.
  • Il piano deve essere approvato dal Giudice.

Concordato minore (ex accordo di composizione della crisi) per le Aziende e Partite IVA:

  • È riservato alle imprese e professionisti.
  • Viene proposto ai creditori un piano sostenibile che diventerà effettivo se votato almeno dal 50% dagli stessi creditori.
  • È permessa la continuità dell’impresa e la possibile la salvaguardia dei beni.

È possibile accedere alla Legge in ogni fase della Crisi del Debito?

Si può chiedere un accordo con i debitori quando:

  • iniziano i primi problemi di pagamento (è quasi sempre la soluzione più vantaggiosa)
  • nel caso in cui i creditori si stiano già rivalendo sul patrimonio personale (o aziendale) con pignoramenti, aste immobiliari o trattenute sullo stipendio.

Esdebitazione

Anche se la liquidazione del patrimonio copre solo una minima parte l’ammontare della massa debitoria, per la restante parte del piano di rientro il richiedente verrà esdebitato.

L’esdebitazione può anche essere richiesta dai falliti. Se la richiesta viene accettata, il Giudice toglie al richiedente tutte le pendenze a suo carico, dandogli la possibilità di un nuovo inizio.

Esdebitazione senza utilità

o Esdebitazione del Debitore incapiente

La novità principale è l’introduzione della cosiddetta “esdebitazione senza utilità”, una forma di liberazione dai debiti rivolta a particolari categorie di soggetti sovraindebitati considerati “meritevoli”: in altre parole attraverso questa procedura il debitore, a prescindere dalla soddisfazione (parziale o addirittura nulla) dei creditori, può cancellare, una sola volta nella vita, tutte le proprie pendenze.

Il beneficiario avrà però l’obbligo di avvisare i propri creditori qualora nei quattro anni successivi al provvedimento del giudice risultasse in possesso di utilità tali da consentirgli il pagamento del debito, in misura non inferiore al 10%.  Da ciò l’obbligo del debitore di aggiornare annualmente l’organismo di composizione della crisi circa la sua situazione economica.

Per poter accedere all’esdebitazione senza utilità, il debitore deve presentare domanda presso il giudice competente; sebbene non sia necessaria, è consigliata l’assistenza di un professionista soprattutto per dialogare con l’organismo di composizione della crisi (OCC). Il buon esito della procedura, infatti, prevede alcuni passaggi piuttosto delicati e complessi, come ad esempio l’eventuale contraddittorio con i creditori che intendono opporsi alla domanda.

Spese mediche e Ludopatia

È presumibile che vengano ammessi eventuali sovraindebitamenti contratti per cause di forza maggiore, come ad esempio spese mediche non altrimenti accessibili o, perlomeno, non in tempi utili. In passato ci sono stati casi di accoglimento alle procedure di esdebitamento di soggetti affetti da ludopatia, sulla base della loro incolpevolezza riguardo i debiti contratti.

Procedura Sovraindebitamento schema

La procedura di sovraindebitamento è una mini-procedura concorsuale, da presentare presso il Tribunale di residenza.

Questi sono i passaggi fondamentali:

  1. Fase di verifica per valutare se puoi accedere alla legge o se è l’unica soluzione vantaggiosa al tuo problema di sovraindebitamento.
  2. In caso affermativo è necessario:
    • Preparare tutta la documentazione in merito alla situazione economica e patrimoniale.
    • Redigere un elenco dei debiti, del patrimonio, le visure in tutte le banche dati, la situazione debitoria in Agenzia delle Entrate e storia bancaria degli ultimi 5 anni.
  3. Viene inviato un bollettino all’Organismo di Composizione della Crisi che dovrà verificare la documentazione inviata e richiedere eventuali parti mancanti.
  4. L’OCC incarica il Gestore della Crisi che farà istanza al Giudice.
  5. Attesa dell’approvazione del Giudice (detta “omologa”).  Il Giudice in questa fase potrebbe dare delle indicazioni ai creditori ed al debitore su come procedere, ad esempio, bloccando un pignoramento o un’asta, le modalità di pagamento, ecc… Se il Giudice accetta, si procede alla fase successiva.
  6. Ultima fase: l’attuazione del piano. La cancellazione di debiti potrà avvenire solo se il debitore si adegua alla procedura, che può comprendere il versamento di una parte dello stipendio o la liquidazione del patrimonio.
  7. Esdebitazione e riabilitazione. A piano completamente attuato, ovvero dopo 3 anni nel caso di procedura di liquidazione (il tempo non è ben definibile per le altre procedure) il tutto termina con la cancellazione dei debiti non pagati (esdebitazione).

Sovraindebitamento e Codice della Crisi: le novità in breve

La normativa sul sovraindebitamento ha subìto alcune novità importanti, quasi tutte positive per il debitore. Ecco le principali:

Procedure familiari di sovraindebitamento

La nuova norma dettata dal codice della crisi, introduce la possibilità che membri indebitati della stessa famiglia, possano avviare un’unica procedura, riducendo i costi e tempi, evitando di aprire tutte procedure singole, come dettato dalla precedente Legge 3 2012.

Requisiti

  • coloro che fanno richiesta devono essere conviventi
  • il sovraindebitamento deve avere un’origine comune

Meritevolezza

Il debitore dovrà anche trovarsi nelle seguenti condizioni:

  • Non deve aver effettuato frodi ai creditori, ovvero non deve aver sottratto del patrimonio (esempio: vende uno o più immobili, trafuga i soldi della vendita all’estero e si dichiara sovraindebitato in Italia).
  • Il sovraindebitamento non deve essere stato creato con dolo o da comportamenti scellerati.

Merito creditizio

ovvero saranno “puniti” tutti quegli istituti di credito (banche e/o finanziarie) che hanno concesso prestiti pur essendo a conoscenza della difficile situazione debitoria del richiedente.

Esdebitazione del Debitore incapiente (o “esdebitazione senza utilità”)

Si tratta di una procedura che cancella tutti i debiti, anche di coloro che non hanno niente da mettere “sul piatto” per la risoluzione del debito.

Cessione del quinto dello stipendio e sovraindebitamento

I prestiti sotto forma di cessioni del quinto sono equiparate agli altri debiti bancari, e quindi possono essere non pagati. Con l’avvio di una procedura di sovraindebitamento, la trattenuta sullo stipendio viene bloccata.

Riabilitazione del richiedente

Il Codice della Crisi prevede che la liquidazione duri al massimo 3 anni, ma soprattutto che non serva una specifica domanda di esdebitazione: infatti dopo tre anni (in assenza di motivi ostativi), tale provvedimento viene richiesto all’interno della stessa procedura, rendendolo automatico.

Le soluzioni al Sovraindebitamento

Sovraindebitamento a chi rivolgersi?

Alternative alla Legge sul Sovraindebitamento

 

 


I nostri consulenti sono a tua disposizione per darti spiegazioni più dettagliate.


Desideri maggiori informazioni o una Consulenza Gratuita?

Numero Verde Legge 3

Whatsapp

Contattaci senza impegno cliccando sull’icona che preferisci,

oppure usa il comodissimo Modulo di Contatto qui sotto…

Costi minimi a fine procedura e SOLO a risultato ottenuto, dilazionati comodamente.

NESSUN COSTO INIZIALE e NIENTE ANTICIPO!

× Parlaci del tuo problema