Cessione del quinto

Prestito con cessione del quinto: una soluzione finanziaria a credito non finalizzato per dipendenti privati o pubblici, e pensionati.

Cessione del 1/5 dello stipendio
Cessione del 1/5 dello stipendio

Se sei un lavoratore dipendente o un pensionato con la necessità di richiedere un finanziamento, puoi accedere e usufruire della cessione del quinto, una particolare forma di credito introdotta dalla legge italiana già dal secondo dopoguerra.

In questa sede cercheremo di affrontare l’argomento fornendo delucidazioni in merito a che cos’è e come funziona la cessione del quinto dello stipendio, a chi può accedervi e quali sono tempi e costi per attivare il contratto.

Cos’è la cessione del quinto?

La cessione del 1/5 dello stipendio è una particolare forma di prestito personale per agevolare dipendenti e pensionati che, in modo semplice e veloce, possono così ricevere credito con addebito diretto allo stipendio, o alla pensione. Questo tipo di finanziamento è caratterizzato dal fatto di non essere finalizzato, e ciò comporta che il richiedente non è tenuto a giustificare la richiesta di liquidità.

Come funziona?

Con l’unica clausola che tu sia dipendente o pensionato, puoi richiedere questo prestito a tasso fisso con rimborso suddiviso in rate costanti trattenute direttamente dal netto della busta paga. Per aiutare in modo ragionevole i richiedenti, l’importo che si richiede di finanziare non può prevedere rate superiori a 1/5 dello stipendio o della retribuzione pensionistica dello stesso.

Chi può richiedere un prestito con cessione del quinto?

I soggetti che possono fare richiesta ad un finanziamento con cessione del 1/5 devono necessariamente essere pensionati, dipendenti pubblici o privati. Oltre a questa etichetta ci sono particolari necessari per accedere al prestito:

  • Per i dipendenti, pubblici o privati, si richiede un contratto a tempo indeterminato, la residenza sul territorio italiano, un’età compresa tra i 18 ed i 63 anni e un form di qualità e sicurezza dell’azienda qualora si fosse dipendenti;
  • I pensionati possono accedere solo se di età non superiore ai 90 al momento della scadenza del contratto, e solo se in possesso di una pensione con importo minimo al netto della quota cedibile.

Il soggetto che fa richiesta deve, inoltre, rispondere a caratteristiche finanziarie di credibilità. Importante infatti, che queste non siamo debitori in precedenti finanziamenti, che non abbiamo mai saltato un pagamento in passato, che non abbiamo subito sequestri o pignoramenti.

Tassi, costi e tempi per accedere alla cessione del quinto

L’importo finanziabile è sempre stabilito singolarmente in base al totale stipendio, o pensione, del richiedente. Le rate, ad importo fisso e mai variabile, dovranno essere rimborsate entro un minimo di 2 anni fino a un massimo di 10 anni.

Per quanto riguarda i costi di questa forma finanziaria, sono da considerarsi gli interessi, le spese di istruttoria, le spese di incasso rata, il costo di comunicazione, le imposte e la copertura assicurativa obbligatoria. Tassi e costi dipendono inoltre, dalla somma erogata e dai tassi di interesse come il TAEG, ossia il Tasso Annuo Effettivo Globale, che deve essere continuamente monitorato.

È possibile fare richiesta di un altro prestito con finanziamento in corso?

Se si ha già in attivo un finanziamento con cessione del quinto, è possibile richiedere un secondo prestito, presso la filiale bancaria a cui si fa ricorso. Come capita spesso, la richiesta di un ulteriore prestito si attiva nel momento in cui si arriva a procedere al piano di ristrutturazione del debito. Anche in questo caso, se il richiedente risulta idoneo, più ottenere più finanziamenti.

.